concorso "CININ E PUESA IN DIALT" 2010

Poesie nei dialetti di Novara e dei comuni della Bassa Novarese



UTBR CHAL MOR

1 Premio

di Gian Battista Mortarino di Borgolavezzaro

Muntagn chi blgn
intrn a la scim
nvl sor, sfilsent

e n cel cart dal sucr
in-vr tramuntn
dun cilst a-scarent.

Utbr chal mor
l bn da sbardl,
a mit dla matin,

s-ciat dun sprit liger
a strs par i chmp
cum in p la rus;

f vgh ram ad nisciol
chi tgnn da mn
al russ di bsc-l

e cap da prv a-sfaciad
chi fn buc da rid
cum i so dencc arancin.

OTTOBRE CHE MUORE

Montagne che ostentano
intorno alla cima
nuvole leggere, filanti

e un cielo carta di zucchero
verso tramontana
di un celeste esagerato.

Ottobre che muore
capace di disseminare,
a met mattinata,

scintille di uno spirito leggero
a zonzo tra i campi
calzando la rugiada;

far vedere rami di noccioli
che tengono per mano
il rosso dei biancospini

e berrette da prete sfacciate
che accennano un sorriso
con i loro denti arancioni.

SERCC INT LAQUA

2 Premio

di Luigi Ceresa di Novara

Dannai a un laght da fiulin
i tiravi cun forsa un quai sass
par sent int laqua al spatasc
e p ved nass tanti urcin
chi sa slargvan fin ai spundi
vn dent lltar fasend i undi.

I sn tir cun la forsa dun vegg
al m cr int laqua funda
par ved sa nasseva ununda
e cnt vn par vn i sercc
chi sa smursvan suta riva
tra canti e cif da lita.

Ma gh stai ninsn rumur,
al laght sha gnanca rg,
e al m cr l sprufund
sensa f un gmit damur.
Morti tti i sentiment
quarci dlaqua gheva p gnent

CERCHI NELLACQUA

Davanti a un laghetto da bambino
tiravo con forza qualche sasso
per sentire nellacqua il tonfo
e poi veder nascere tanti orecchini
che si allargavano fino alle sponde
uno dentro laltro facendo le onde.

Ho tirato con la forza di un vecchio
il mio cuore nellacqua fonda
per vedere se nasceva unonda
e contare uno ad uno i cerchi
che si spegnevano sotto riva
tra cannette e ciuffi di alghe.

Ma non c stato alcun rumore,
il laghetto non si neanche increspato,
e il mio cuore sprofondato
senza fare un gemito damore.
Morti tutti i sentimenti
ricoperti dallacqua non cera pi niente

S LA RIVA DAL FIM

di Luigi Ceresa

Al to autn l pss
fiur dla primavera,

linvrnu pss cald
dal s-cisim dla to est.

Vegna insma a mi sj prji
smpar tevi dal fim:

s-ciari la lna pina
lsenta int i to cc;

dla carna ninsn s-css
am f p suspir.

Dal to sen vegg e pass
dulsa a stissa la ml.

Strach i pogi la tsta
grisa s la to scossa,

cuntent i ma ndurmenti:
quait sar al m duman

SULLA RIVA DEL FIUME

Il tuo autunno pi
fiorito della primavera,

linverno pi caldo
dellafa della tua estate.

Vieni con me sulle pietre
sempre tiepide del fiume:

vedo la luna piena
lucente nei tuoi occhi;

della carne nessun desiderio
mi fa pi sospirare.

Dal tuo seno vecchio e avvizzito
dolce stilla il miele.

Stanco appoggio la testa
grigia sul tuo grembo,

contento mi addormento:
sereno sar il mio domani



Mila

3 Premio

di Tiziana Delsale di Novara

Ti, dai to mila partss,
ti bti, ti drdi lss,
oh drua malincuna
che la man la para via
dai cc i to mila guti,
mila stissi d rus ruti
sul magn
dun cr a la gura
quat suta na ragnra
d crepi, vissgi e geln.

Mille

Tu, dai tuoi mille pertugi.
spingi, apri luscio,
oh acerba malinconia
che la mano caccia via
dagli occhi le mille gocce,
mille stille di rugiada rotte
sulla tristezza accorata
di un cuore alla guerra
acquattato(si) sotto una ragnatela
di crepe, pustole e geloni.

Spirnsa

segnalata

di Gian Piera Leone di Trecate

Lja p a t pas decs duna volta,
i cc curis, ra buca cirsa
T v dasi, t guardin tra,
par cap cum cha pgiasa a t p.
L un bals is p: daj volt a ginbasa, a fa tramta tta ra gnba.
E nca brasc a tacasa a bal.
Inciud par tra ,t f p un pas.
T pagra da f mata unc ps.
T na fja che n bufch ad vnt a strupa via.
T sintata p padrch da t
Trp dificil da f
cul che prima t fva snsa pins.
Pud ciapra ind unata manra
Sa vita a mit, mia vra!

T guardin tra, t sintata mur
na furmiga a va ps ladina da t.
No, no, nca par l l cum t
Nuta e ninsch
I sch cul cha pda gn.
Va,alra, va par la t str.
Ciapa ra vita m cha vgna
T sinta mia a cr ps ligr?
Alsa i cc,,guarda p par tra:
t vda a bl da cil,
a rus di fir, agr dun pasarch?
Disa lra:Grasie, Signr che such ch nca m.

Speranza

Non c pi il tuo passo deciso duna volta,
gli occhi curiosi, il viso gioviale
Cammini lento, guardi in terra, concentrato,
per capire come sappoggia il tuo piede.
Talvolta un birichino questo piede
si piega, ti fa tremar tutta la gamba.
E anche il braccio comincia a tremare
Inchiodato per terra non fai pi un passo.
Hai paura di farti male ancor di pi
Sei una foglia che un soffio di vento strappa via
Non ti senti pi padrone di te stesso
Troppo difficile da fare
quel che prima facevi senza pensare
Poterla prendere in unaltra maniera
questa vita a met, non vera!

Guardi in terra, ti senti morire
una formica va pi sicura e veloce di te
No, no, anche per lei, come te.
Niente e nessuno sanno cosa pu accadere.
Va, allora, va per la tua strada
Prendi la vita come viene.
Non senti forse il cuore pi leggero?
Alza gli occhi, non guardare pi per terra
vedi il blu del cielo
il rosso dei fiori, il volo dun uccellino?
Di allora: Grazie Signore che vivo anchio.

Croazia 1942

di Gian Piera Leone

Cil e mar da sts culr,
as a scta sra testa, buf ad aria fina e frsca,
i gru e i lsu i i pim.da m cap
Vch ch, vch l, i bersali i ranpgu sra scarp
dadr di bas murt ad prga e sas
che suma faj s par riparena di atch.
A culunl l dijna: Cui crut lja mia da scars
st- l dadr bersali!
I rivu da scundch
tign mnt,l in mia suld ?m n.

Erba sca, prch e sas, dum busc brs das
e suta un mar cha fa i spigt.
Che silnsiu! Che pas!
Pud st ch dr da murt
ciap a s e pins a chi chj las c.
Ma ?na lsrta a scapa via
E? na quaj prga a sglga gi
Sta tnt bersali! lja mia da scars!.
Lja un quajvch
Inu mia suld m n.
Dadr da mrt, quasi i fiaga p
A batma a cr , a sintasa ?m l
E cul dadl? A fa m m,
dr da mrt i stuma ch quat.
I spiciuma a mumnt buch

Un sc (chis ?ndua?) a sbragala e gra via.
Salta s l, salta s m
I guardumna
bam,bam i sparumna.
T o m? Chi cha tuchja sa vlta ch?
?Ra camisa ?nsangun, na gs basa a ciama ?ra mama,
p nvr m a vlta na facia binca binca
i cc sbarat stun cil culr da mar.
Che silnsiu denta da m!
Ps in alt l n finimunt: i bersali, tcc insma,
slung -gi par tra i sparu
i tiru bunb, i sbragalu
pvra e fm i tacu in gra

Che silensiu nca par t!
Mar e cil cum ncant
I salta dadl.
I sara-s cj cc sbarat
I carsa na facia bla.
Pudrs vs a?ra ma.
Che grup in gra!
I pim da bersali i lsu sutas,
e ntnt chi gru i sgamu d gut.

Croazia 1942

Cielo e mare dello stesso colore,
il sole scottano sulla testa, soffi daria fine e fresco
volano e brillano le piume del mio cappello.
Uno qui, uno l, i bersaglieri sarrampicano sulla scarpata
Dietro ai bassi muretti di pietra e sassi
che abbiamo costruito per ripararci dagli attacchi.
Il colonnello ci ha detto: "Coi croati non c da scherzare,
state l dietro, bersaglieri!
Arrivano di nascosto,
ricordate, loro non sono soldati come noi

Erba secca, pietre e rocce, solo cespugli bruciati dal sole
e sotto un mare che balugina.
Che silenzio! Che pace!
Poter star qui, dietro il muretto,
a prendere il sole e pensare a chi ho lasciato a casa
Ma una lucertola scappa via
e qualche pietra rotola gi
Attento bersagliere! Non c da scherzare!
C qualcuno
Non sono soldati come noi
Dietro il muretto, quasi non respiro pi..
Mi batte il cuore, mi sembra che si senta solo lui.
E quello di l? Fa come me.
Dietro il muretto stiamo acquattati.
Aspettiamo il momento opportuno

Un uccello (chiss dove?) grida e vola via.
Salza lui, malzo io.
Ci guardiamo,
bam bam, ci spariamo.
Tu o io? A chi tocca questa volta?
La camicia insanguinata, una voce bassa chiama la mamma
Poi verso me volta un viso bianco bianco
Gli occhi sbarrati sotto un cielo color del mare.
Che silenzio dentro di me!
Pi in alto un finimondo: tutti insieme i bersaglieri
allungati per terra sparano
tirano bombe, gridano.
Polvere e fumo irritano la gola

Che silenzio anche per te!
Mare e cielo come incantati
Salto di l
Chiudo quegli occhi spalancatati
Accarezzo un viso bello.
Potrebbe essere il mio.
Che groppo in gola!
Le piume di bersagliere brillano sotto il sole
e mentre volano masciugano due lacrimoni.

La pl doc

segnalata

di Claudio Minola di Borgolavezzaro

Cuma na lam filent
a trapasa al cr
ta sent chla scur
cha tentra in ti vn
l un emusion
un fil ad vent tra i pint in fiur
un mr crap chal filtra un ragg ad s
un rus-gn chal sbia dopu ltempural
Siren chla vus
a gh un quai jn cha st mal
Na corda dviuln
chla sun un caprci ad Pagann
Sajot chla bril e la visca al ciel
na moto chla cur
Vul cun la ment
liger cum na nvl
sint tcc i-oss chi vibrn
e na lacrima chla sgurga
sens sav parch
ta pinsgi m un fiuln
Un basin rub suta al purtn
un rintuch durlocc e l chla scapa via
La pl doc
at f tram m na fia
et f sint
che t incura vif !

La pelle doca

Come una lama affilata
che ti trafigge il cuore
senti che scorre
che ti entra nelle vene
un emozione
un filo di vento tra le piante in fiore
un muro crepato che filtra un raggio di sole
un usignolo che fischietta dopo il temporale
Sirena che urla
c qualcuno che sta male
Una corda di violino
che suona un capriccio di Paganini
Un lampo che brilla ed accende il cielo
campn chi sunn da mort
Campane che suonano da morto
una moto che corre
Volare con la mente
leggero come una nuvola
sentire tutte le ossa che vibrano
e una lacrima che sgorga
senza sapere perch
piangi come un bambino
Un bacio rubato sotto il portone
un rintocco dellorologio e lei che scappa via
La pelle doca
ti fa tremar come una foglia
e ti fa sentire
che sei ancora vivo !

CAMBIAMNT

di Livio Rossetti di Veveri

I guardavi i cartulini.
Cui da cinquantani fa,
si, Vvar scugnusa.
Quasi gnenta l cambi.

Dss per gh di prugt,
saran gros i cambiamnt.
Pensa, pensa e p ripensa!
Fin adss pern fai gnnt.

Gi mla vedi la rutunda,
cun lingrs antla cit.
Tta verda cui funtani,
piena dverzi culur.

E che d dla via Verbano,
ttt na pianta na fursta.
Sar dra pustegi,
ma i s faran gran festa.

P la piassa e altri rutundi,
tt sar valuris.
Nn intant i stuma ctu
Laspetuma, p sfar.

St prugt di nostri str,
l nsi s da ves fin.
L ses ani che spetuma,
e l mia fin l.

Manca i sold, in gi fin,
a gh stai na sturnamnt.
In fai s n gran mraglin
E p n d .l n munumnt.

Nn sptuma cun speransa,
ch, tra rogge e tra canali .
Parch suma brava gnt,
manche a nn an gira i bli.

Intant vaga m chal vaga,
ma lasm almen sugn.
Na rutunda cui funtani,
piena d ..vrzi culur.

CAMBIAMENTI

Guardavo le cartoline
Quelle di cinquantanni fa,
ebbene s, Veveri si riconosce,
quasi niente cambiato.

Adesso per ci sono dei progetti,
saranno grossi i cambiamenti.
Pena, pensa, e poi ripensa!
Sino ad ora per , non hanno fatto niente.

Gi me la vedo la rotonda,
con lingresso nella citt.
Tutta verde con le fontane,
piena di verze colorate.

E che dire della via Verbano,
tutta una pianta, una foresta.
Sar dura posteggiare,
ma gli uccelli faranno gran festa.

Poi la piazza e altre rotonde,
tutto sar valorizzato.
Noi intanto stiamo zitti,
laspettiamo, poi si far.

Questo progetto delle nostre strade,
ancora lontano dallessere finito.
Sono sei anni che aspettiamo,
e non ancora finita.

Mancano i soldi, son gi finiti,
c stato unostornamento.
Hanno tirato su un gran muraglione,
poi hanno detto. un monumento.

Noi aspettiamo con pazienza,
qui, tra rogge e tra canali.
Perch siamo brava gente,
ma anche a noi girano le balle.

Intanto vada come vada,
ma lasciatemi almeno sognare.
Una rotonda con le fontane,
piena di verze colorate.

PRURBI

di Livio Rossetti

Ciau Giuncume ti st?
Eh, Lis.ma s,signur..
Fusa mia par laltrite,
sembri spe che dulur.

Eh, let sicr la cnta,
e i strapasid giuent!
..Man chel temp fa la so part,
m ghon ml che sembran d.

Ti s vist la primavera?
Forse stann luma salt.
P da culp ti senti calt
Tit-nacorgi chl gi est.

Eh gisil propi vera,
son p bon gni c drasn,
da quant che, mho rend cnt,
che ghn p dmesistagion.

E via avanti da stu pass,
a cntassla tt dun fi.
A sent stu rendicnt
Fica a metar ttest.

Cus dagh la culpai bumbi,
chin cambi ttistagin.
E mintant son ch chi sofri,
calt,visgie anche drn.

Vegna frtgho la colite,
p l caltun dundulon.
Quantal piova gh lartrite,
tt febrar sembrin tuln.

Vurarisan cambi i rbi,
m cnt vn e vn d.
Mal temp al fa m g voia,
propipropi cumel c.

PROVERBI

Ciao Giovanni, come stai?
Eh Luigima sio Signore
Non fosse per lartrite,
sembro zoppo, e che dolore.

Certo let sicuramente conta,
e gli strapazzi di giovent!
Ma anche il tempo fa la sua parte,
io ho un male che sembrano due.

Hai visto la primavera?
Forse questanno labbiamo saltata.
Poi di colpo senti caldo,
e ti accorgi che gi estate.

E gi si proprio vero,
non riesco a farmene una ragione.
Da quando mi sono reso conto
che non ci sono pi mezze stagioni.

E avanti di questo passo,
a raccontarsela tutto di un fiato.
Ad ascoltare questo rendiconto,
nevica a metri tutta estate.

Dar cos la colpa alle bombe,
cha hanno cambiato tutte le stagioni.
E io intanto sono qu che soffro,
caldo,vescichee anche duroni.

Viene il freddo.. ho la colite,
poi col caldo uno sbandamento.
Quando piove c lartrite,
tutto febbraio sembro un bidone.

Vorremmo cambiare le cose,
come contare uno e uno due.
Ma il tempo fa come ha voglia,
proprio, proprio .come il sedere.

LA CURUNA DA CARTON

di Renata Molino di Novara

Quand seri na fiulina par carneval
I spetavi m l mument da travistim,
anca se lera un quai custm fai mal,
mi la videvi gi cume vn di prim.

La sala dal Brulet cum lera bla!
ps granda ancura par mi piscnina,
lura i mascar i eran un po dal lla,
ma seri vist propi da regina:

na camisa da ras a dla me mama
dun bel celest cui manighi imbut.
Ma pensavi :Se un quaidna am ciama,
disi mia chl rifai e ricsi.

Cunt in testa na curuna da carton,
ma spigiavi e la sembrava vera,
e m sentivi impurtanta par da bon:
Dim dal V almen fin a sta sera.

Ma dess che la vita mha insegn un quaicuss,
se n quaidna mufenda o m d un bton,
pensi sempar che prima le mei cunuss
che in testa gho na curuna da carton.

LA CORONA DI CARTONE

Quando ero una bambina per carnevale
aspettavo solo il momento di travestirmi,
anche se era qualche costume fatto male,
io lo vedevo gi come uno dei primi.

La sala del Broletto come era bella!
pi grande ancora per me piccolina,
allora i costumi in maschera erano un po scadenti,
ma ero vestita proprio da regina:

una camicia di raso di mia mamma
di un bel celeste con le maniche imbottite.
Ma pensavo: Se qualcuno mi dovesse chiedere,
non dir che stato rifatto e ricucito.

Con in testa una corona di cartone,
mi specchiavo e sembrava vera,
e mi sentivo veramente importante:
Datemi del Voi almeno fino a questa sera.

Ma adesso che la vita mi ha insegnato qualcosa,
se qualcuno mi offende o mi d uno spintone,
penso sempre: prima meglio che io sia consapevole
che in testa ho una corona di cartone.

La msa et

di Antonio Ferrari di Novara

Cara la m Pantfla,
cun la sla un pocnsum,
dopu tantu camin,
s la salida dla vita,
un podura, un po bla,
ma t ghl fai,
a met dla vita, ti t s riv.
Ma adss dam d tr:
la discesa ti t devi fa,
mola al frn dasiot dasiot,
s in fund ti t vri riv.
Adss duvrii dit:
cent e un d, cume cusch!
( ma vri fatt un augri da amiss)
in culo alla balena.

La mezza et

Cara la mia Pantofola,
con la suola un po consumata,
dopo tanto camminare,
sulla salita della vita,
un po dura, un po bella,
ma te ce lhai fatta,
a met della vita, tu sei arrivata.
Ma adesso dammi ascolto:
la discesa tu devi fare,
molla il freno piano piano,
se in fondo tu vuoi arrivare.
Ora dovrei dirti:
cento e un giorno, come questo!
(ma voglio farti gli auguri da amico)
in culo alla balena.

Nustalgia

di Antonio Ferrari

Ti senti la mancanssa:
dl t c,
dal t paes,
dla t cit;
parch ti s
luntn par laur.
Piangia al t cr,
al senta la nustalgia
da du turn.
Ma t ti pdi mia:
la t famiglia
ti devi sfam,
it mancan i sold ,
parch t ti s,
mal pag!

Nostalgia

Senti la mancanza:
della tua casa,
del tuo paese,
della tua citt;
perch tu sei
lontano per lavoro.
Piange il tuo cuore,
sente la nostalgia
di dover tornare.
Ma tu non puoi:
la tua famiglia
tu devi sfamare,
ti mancano i soldi,
perch tu sei,
mal pagato!

Al curc dal css

di Enrico Occhetti di Novara

Dpu quasi trentani chi st ch,
al curc dal css dal bagn bianch,
l tt screpul, l gn tt smas,
e a d la verit, gnanca p franch.

Dpu avgh tir gi tti i s misri,
i son ndai al Tre Esse, fin a Trac,
e sicr da mia duv f brti figri,
a limpieg, g dai al m fj pieg.

DlIdeal Standard, car al m l,
il g prpi idea... davegan mia,
da cul tipu ch, na custruisan p,
al deva purtam cul vcc, cus sia.

Alura, mia cunvint e tantu sudisfai,
i son ndai a la Iser, cula da Nuara,
al gheva un uperari cun s i ugiai,
l guard cul biglit m rba rara.

Statent che par un curc dal css,
finissar da f al gir dla Pruvincia,
si la trovi ugual, al sar un sucss,
a sta rba l mia cham cunvincia.

I son tru p un negusit a S.Agabi:
Par a st curc ch, car al m l,
am disa cus-chi, straln m un babi,
l mei cham porta i misri dal c.

Il coperchio del gabinetto

Dopo quasi trentanni che abito qui,
il coperchio del water del bagno bianco,
tutto screpolato, tutto scolorito,
e a dire la verit, neppure pi sicuro.

Dopo avergli preso tutte le sue misure,
sono andato al Tre Esse, fino a Trecate,
e sicuro di non dover fare brutte figure,
allimpiegata, ho consegnato il mio foglio piegato.

DellIdeal Standard, caro lei,
ho proprio idea.. di non averne,
di quel tipo qui, non ne costruiscono pi,
mi deve portare quello vecchio, cos.

Allora, non convinto e tanto soddisfatto,
sono andato alla Iser , quella di Novara,
cera un operaio con su gli occhiali,
ha guardato quel biglietto come una casa rara.

Stai attento che per un coperchio del water,
finir di fare il giro della Provincia,
se lo trovo uguale, sar un successo,
e questa cosa non che mi convinca.

Ho trovato poi un negozietto a SantAgabio,
Per questo coperchio qui, caro lei,
mi dice questo, stralunato come un rospo,
meglio che mi porti le misure del sedere.

Hin scap i pursc.

di Enrico Occhetti

Mes da lj, dai m consuoceri, dpu Caserta,
in ferii, par ciap un po d sul, m na lsrta,
prutesion nmar cinq, culur arancion m carota,
sbat bass-ura, son turn da Marina di Camerota.

Anche se russ m un pivrn, un gambar ustiun,
prima dla docia, la m consuocera i duvevi aiut,
una puntra dantibiotich a tti i s bi cunigion,
cuntra cula malatia chagh f gn cc russ e tiston.

Ma, dpu av fai la salida, riv s andua i stabi,
suma rest tti d da stch, incant m d babi,
la porta leva prpi durta, i pursc i evan scap,
burlanda denta int la vasca dal rt, l immarlat.

Adess m i fasuma par tirai s, hin anca pesant,
e cul l pss gross, l teribil e un po caminant.
Cun s i stivai, denta int la vasca, cun un curdon,
pass suta la panscia i uma legai m d salamon.

Mi i tiravi da ch, le la tivava da l, forsa and s,
al m consuocero chal btava da dr, da puden p,
suma riusc a sarai s denta int al stabi, finalmnt,
dpu una bla mn da bti, par tegn ben da mnt.

Una bla aventra, un bl ricord chim portar dr,
cula dav salv durant i feri, cui d pvar pursc,
anca se, in fin di cunt, strach, da sudur, bl masar,
i sevi un pursc anca mi, spurch e un po immarlat.

Sono scappati i maiali

Mese di luglio, dai miei consuoceri, dopo Caserta,
in ferie, per prendere un po di sole, come una lucertola,
protezione numero cinque, color arancione come la carota,
sabato pomeriggio son tornato da Marina di Camerota.

Anche se rosso come un peperone, un gambero ustionato,
prima della doccia, la mia consuocera dovevo aiutare,
una puntura di antibiotico a tutti i suoi grossi conigli,
contro quella malattia che gli fa venire gli occhi rossi e il testone.

Ma, dopo aver fatto la salita, essere arrivati sopra, dove il porcile,
siamo rimasti entrambi di stucco, incantati come due rospi,
la porta era proprio aperta, i maiali erano scappati,
cadendo dentro la fossa del letame, l immerdati.

Adesso come facciamo per tirarli su, sono anche pesanti,
e quello l pi grande, terribile e un po birbante.
Con su gli stivali, dentro la fossa, con una grande corda,
passata sotto la pancia, li abbiamo legati come due grandi salami.

Io tiravo di qui, lei tirava di l, forza salite,
il mio consuocero che li spingeva da dietro, da non poterne pi,
siamo riusciti a chiuderli dentro il porcile, finalmente,
dopo una bella mano di botte, per fargli ricordare.

Una bella avventura, un bel ricordo che porter con me,
quella di aver salvato durante le ferie, quei due poveri maiali,
anche se, in fin dei conti, stanco, di sudore, bello inzuppato,
ero un maiale anchio, sporco e un po immerdato.

LANGIUNA

di Guido Viennese di Landiona

Langiua m car paiss
Tra melghi, pbbji e na quai pia ad riss

Al campanin cal domina sui tcc di cai
E al varda dla Bia fia bass di Canvai

Cun la nbia o cun al sul, tei sempar bla
Ma l istess qunt angh da dveri lumbrla

Qunt a cala la nocc, cun la lna lszenta n-tal ciel
Angh na tranquilit da mia crdi e tt asmia ps bel

E pi la s-ciss da gir s Sesia, s e gj di ripar
Chi a cascia e par fungj, opra dist cl cum vesi al mar

Che emusiun qunt ta pasi par i cuntrai
E at vardi denta n-ti curt e at vghi gigh i matai

Tasmia da turn andr cun al temp
Parch tnti robi da pitu, tat i ricordi par semp

Langiua tegna dr e cerca da rast ans
An modu che la gent la vaga mia via da chi

Lasti f ancura na carsa m car paiss
E tegna da cnt tti sti robi che at diss.

LANDIONA

Landiona mio caro paese
Tra mais, pioppi e qualche piana di riso

Il campanile che domina i tetti delle case
E guarda dalla Bia fino oltre i Canvai

Con la nebbia o con il sole, sei sempre bella
Ma lo stesso quando c da aprire lombrello

Quando cala la notte, con la luna splendente nel cielo
C una calma da non credere e tutto sembra pi bello

E poi la voglia di girovagare lungo la Sesia, su e gi dagli argini
Chi per la caccia e per i funghi, oppure destate che sembra di essere al mare

Che emozione quando passi per le contrade
E guardi nei cortili e vedi i bambini giocare

Ti sembra di tornare indietro con il tempo
Perch tante cose di quando eri piccolo, le ricordi per sempre

Landiona tieni duro e cerca di rimanere cos
In modo che la gente non vada via da qu

Lasciati fare ancora una carezza mio caro paese
E tieni stretto tutte le cose che ti dico.