Le news di Veveri: anno 2021 - testi e foto di Livio G. Rossetti - Livio Rossetti su facebook

Notizie del 2008 - Notizie del 2009 - Notizie del 2010 - Notizie del 2011 - Notizie del 2012 - Notizie del 2013 - Notizie del 2014 - Notizie del 2015 - Notizie del 2016
Notizie del 2017 - Notizie del 2018 - Notizie del 2019 - Notizie del 2020

Nell'impossibilità di ottenere la liberatoria per la pubblicazione delle immagini di persone che compaiono nelle foto di questa pagina, possiamo oscurare, a richiesta, il volto di chi non desidera comparire su questo sito.

Sabato 8 maggio: la struttura i Senior, Residenza per anziani Gianni Rodari, ubicata poco a sud del Canale Cavour e a ovest della S.S. 32, poco prima del ponte che scavalca il percorso dei canali Cavour e Regina Elena, è praticamente terminata, così appare dall'esterno, con la strada di accesso asfaltata, gli arbusti e il verde attorno a posto, i sottoservizi accesi, l'insegna con il nome di Gianni Rodari. Chi era costui? Vi chiederete, ebbene Giovanni Rodari (nato a Omegna il 23 ottobre 1920 e morto a Roma il 14 aprile 1980 all'età di 59 anni) è stato un maestro elementare, scrittore e giornalista famoso per fantasia e originalità, attraverso racconti, filastrocche e poesie divenute, in molti casi, classici per ragazzi, ha contribuito a rinnovare la letteratura per ragazzi. Tra le sue opere maggiori si ricordano Filastrocche in cielo e in terra, Il libro degli errori, Il gioco dei quattro cantoni (proprio come Veveri!), C'era due volte il barone Lamberto, ma il suo capolavoro pedagogico fu la Grammatica della fantasia, un saggio indirizzato a insegnanti, genitori e animatori. Risulta quindi strano nominare una residenza per anziani col nome di chi ha scritto soprattutto per bambini e ragazzi; a meno che non si voglia ricordare che i vecchi sono due volte bambini (Aristotele). Vediamo qundo si inaugura e quando viene aperta ai futuri residenti.

31 marzo, mercoledì: sembrava un'altra delle belle giornate di sole come tante altre delle ultime settimane, invece il buon Livio, non io ma mio cugino, mi sveglia dal torpore di queste lunghe giornate di confinamento e mi dice che stanno avvolgendo il campanile della vecchia chiesa con le incastellature tubolari, indice di prossimi interventi per la messa in sicurezza dell'edificio fortemente compromesso nella sua stabilità dopo oltre cinquant'anni di abbandono. Presto ho preso la mia macchina fotografica digitale e ho raggiunto via Verbano. In effetto l'incastellatura era quasi terminata e il vecchio campanile, e la facciata, erano circondati dai ponteggi, dalla base fino alla punta finale. Nei prossimi giorni l'impresa edile San Gaudenzio Snc del sign. Carfora G. e Notonica I. metterà in sicurezza il campanile e ripristinerà l'intonaco, ormai deteriorato del campanile e della facciata della chiesa.
A febbraio erano caduti due mattoni e calcinacci dal campanile e il Consigliere Fonzo aveva presentato una interrogazione in Consiglio Comunale chiedendo di mettere in sicurezza l'edificio ubicato nel punto più stretto della Via Verbano in una zona di passaggio di veicoli e persone assai pericoloso. A distanza di poco più di un mese, e dopo il sopraluogo anche della Soprintendenza Belle Arti, oggi è iniziata la preparazione del cantiere che verrà portato avanti nelle prossime settimane dalla Ditta Edile San Gaudenzio per le opere in muratura e per il rifacimento dell'intonaco.

13 febbraio, sabato: dopo la breve e fredda nevicata di ieri sera, questa mattina, prima dell'incontro con il candidato sindaco del PD, per le prossime elezioni comunali, Nicola Fonzo, ho fatto un giretto per Veveri e dintorni e mi sono sofferato davanti alla chiesa vecchia di San Maiolo (ormai da tempo di proprietà privata), con la facciata transennata a causa della caduta di alcuni mattoni e calcinacci, segni del passare del tempo, senza che siano state apportate le necessarie opere di messa in sicurezza della costruzione, vecchia di alcuni secoli, e ormai abbandonata dal 1968, dopo l'inaugurazione della nuova chiesa.
Poi sono andato in via Guido Rossa per osservare la prosecuzione dei lavori nel sito ex EGO a un mese di distanza dalle precedenti foto e si nota la completa chiusura della struttura, costruita accanto alla sede magazzino delle Poste Italiane, della quale ad oggi non si conosce la destinazione definitiva.
Da ultimo ho fatto due passi lungo la Roggia Mora verso il traliccio dell'alta tensione, congiungimento della linea interrata attorno a Veveri e la linea aerea: qui da alcuni giorni lavora una squadra di operai che ha incastellato la parte terminale del traliccio, operando poi uno scavo alla sua base ma, non potendomi avvicinare, non conosco la motivazione di tali lavori, a meno che non si prepari un ulteriore interramento della linea verso nord.

10 gennaio, domenica: sono terminati i lavori al nuovo deposito di Poste Italiane in via G. Rossa, sul sedime della ex-EGO e alla sua sinistra è in costruzione una nuova costruzione a livello di scheletro di un grande capannone.
Lungo il Canale Cavour e la Statale 32 sono in stato avanzato i lavori per la nuova struttura socio-sanitaria. Se i lavori procederanno senza ulteriori intoppi, entro l'anno la struttura potrebbe essere inaugurata.

27 gennaio: Il giorno della memoria, 10 febbraio, Giorno del ricordo.

Immagini di Veveri viste dal satellite Landsat/Copernicus.

Altre immagini satellitari di Veveri.