Cume na foja

di Livio G. Rossetti



Cume na foja

Im senti cume na foja gialda,
cunt i ragg dal sl chi pssan in ms di ram,
bla, int una matina frsca.

Am sembrava da vess al padrn dal mund,
l, inscima ad un ram da nus,
i duminavi al pra duna part e al canal a-dlaltra.

I slin ogni tant is setvan visin, i girvan al bch e i cc
da ch e da l, p i fasvan na sbiada tti cuntent.
Dopu i vulvan via a cerc da mangi.

E mi smpar l, a guard al mund suta da mi.

Una matina per l riv la brisa e un vent,
prima dasi dasi, e dopu un p pss frd, un p pss fort.

Mi i mho tac fort al ram, cunt tti i m forsi;
par un p ho resist, ma un culp da vent pss fort
a mha fai brl gi.

Insma mi, sl pra, tanti ltar foji,
gialdi, russi e da tanti ltar culur.
Nissuna a vureva parl,
is guardvan int i cc,
ma nissuna a vureva tac butn.

Urmai i suma morti. Urmai i sn mort cume i ltar.
La m esistensa l stai bla ma l dr trop poch.
I vurevi vid cus a cambiava int a stu paes,
ma ho mia fai temp.
Tt l rest cume i lavevi vist la prima volta,
quand i sn nass.

Forse anche cj chi smbran viv, i hin mort,
prima ancura da nss, e i la sn mia.
Is dn da f par gnenta, i rsan tt al d,
is mtan mia dacordi, e gnenta al cambia.

Oh Vvar, cume ti s cunsci mal!

Come una foglia

Mi sento come una foglia gialla,
con i raggi del sole che passano in mezzo ai rami,
bella, in una fresca mattina.

Mi sembrava di essere il padrone del mondo,
l, in cima ad un ramo di noce,
da una parte dominavo il prato e dall'altra il canale.

Gli uccellini a volte si posavano vicino, giravano il becco e gli occhi
a destra e a sinistra, poi cinguettavano tutti contenti.
Dopo volavano via alla ricerca del cibo.

Ed io sempre l, a guardare il mondo sotto di me.

Una mattina per arrivata un'aria gelida e un vento,
prima leggero, e dopo un po' pi freddo, un po' pi forte.

Io mi sono aggrappata al ramo, con tutte le mie forze;
per un po' ho resistito, ma un colpo di vento pi forte
mi ha fatta cadere gi.

Con me, sul prato, tante altre foglie,
gialle, rosse e di tanti altri colori.
Nessuna voleva parlare,
ci guardavamo negli occhi,
ma nessuna voleva iniziare a parlare.

Ormai siamo morte. Ormai sono morta come le altre.
La mia esistenza stata bella ma durata troppo poco.
Volevo vedere cosa cambiava in questo paese,
ma non ho fatto tempo.
Tutto restato come l'avevo visto la prima volta,
quando sono nata.

Forse anche quelli che sembrano vivi, sono morti,
prima ancora di nascere, e non lo sanno.
Si agitano per niente, litigano tutto il giorno,
non si mettono mai d'accordo, e niente cambia.

Oh Veveri, come sei ridotto male!